Le ultime novità che riguardano la stanchezza, le patologie legate alla stanchezza, la diagnosi ed il trattamento della stanchezza cronica ...Vedi news >>
Centro di Riferimento Oncologico – Aviano (PN)
Istituto di Ricovero e Cura a carattere scientifico
Via Franco Gallini, 2 (già via Pedemontana Occidentale 12)
33081 Aviano (PN)
Telefono:
0434 659394 (dalle 9 alle 12)
Nel dicembre 1994, un gruppo internazionale di studio sulla Sindrome da Stanchezza Cronica, del quale ho fatto parte, ha pubblicato sugli Annals of Internal Medicine, una nuova definizione di caso di CFS che rimpiazzava la definizione pubblicata sei anni prima. Nella nuova definizione un caso di Sindrome da Stanchezza Cronica é definito dalla presenza delle seguenti condizioni: una fatica cronica persistente per almeno sei mesi che non é alleviata dal riposo, che si esacerba con piccoli sforzi, e che provoca una sostanziale riduzione dei livelli precedenti delle attività occupazionali, sociali o personali ed inoltre devono essere presenti quattro o più dei seguenti sintomi, anche questi presenti per almeno sei mesi: disturbi della memoria e della concentrazione così severi da ridurre sostanzialmente i livelli precedenti delle attività occupazionali e personali; faringite; dolori delle ghiandole linfonodali cervicali e ascellari; dolori muscolari e delle articolazioni senza infiammazione o rigonfiamento delle stesse; cefalea di un tipo diverso da quella eventualmente presente in passato; un sonno non ristoratore; debolezza post esercizio fisico che perdura per almeno 24 ore. Ovviamente devono essere escluse tutte le condizioni mediche che possono giustificare i sintomi del paziente, per esempio ipotiroidismo, epatite B o C cronica, tumori, depressione maggiore, schizofrenia, demenza, anoressia nervosa, abuso di sostanze alcoliche ed obesità ...continua >>
Si calcola che un terzo delle persone che si recano dal medico lo facciano per un problema di stanchezza. Quali sono le cause più frequenti di questa stanchezza? Difficile stilare una lista di frequenza di cause, ma prima di tutto bisogna escludere la presenza di infezioni, sia batteriche che virali o parassitarie. Subito dopo vanno prese in considerazione la depressione o le malattie psicosomatiche, senza dimenticare che anche i tumori, più frequentemente linfomi e leucemie, possono essere alla base di questa stanchezza. Ma tra le cause più frequenti ...continua >>
Quando ci si reca dal medico e ci si lamenta di essere stanchi, il medico chiede una descrizione dettagliata del problema, fa un esame clinico e ordina una serie di testi di laboratorio. Questi test quasi sempre includono un conteggio dei globuli bianchi, dei globuli rossi e delle piastrine e una serie di esami che si possono chiamare SMAC, abbreviazione del nome di una macchina che esegue molti test con un singolo prelievo di sangue. Spesso, ma non sempre , il medico richiede anche la VES, un test del sangue per la tiroide, l’analisi delle urine, l’RX torace, un elettrocardiogramma e una valutazione della funzionalità respiratoria ...continua >>
Il termine stress deriva originariamente dalla fisica e dall’ingegneria, e indica la capacità di sottostare a un carico, cioè di resistere a una tensione, e come tale è un’entità fisica finita e misurabile. Così un ingegnere che costruisce un ponte o il braccio di una gru è in grado di calcolare il peso che possono sopportare e sa che superando tale peso la struttura si sfascia o si deforma. La scienza delle costruzioni è andata ancora più in là e ha scoperto che sottoponendo preventivamente certi materiali a uno stress, come nel caso del cemento precompresso, si puo’ accrescerne la resistenza ...continua >>
Dai risultati che provengono da diversi studi , si può affermare che circa il 10-30% dei pazienti con CFS ha avuto almeno un episodio di depressione negli anni precedenti l’insorgenza della CFS, mentre un 50-70% ha sviluppato depressione negli anni successivi alla comparsa della CFS. Se si tiene conto che queste cifre sono più elevate rispetto alla prevalenza della depressione nella popolazione generale (circa il 5-10%), si può desumere che una storia passata di depressione può rendere una persona più vulnerabile alla CFS e che una depressione reattiva è spesso una parte importante di una malattia come la CFS. D’altra parte, nonostante la più attenta valutazione psichiatrica, in un sostanziale numero di pazienti non si riscontra alcuna forma di depressione dopo l’insorgenza della CFS, anche quando la qualità della loro vita è stata seriamente compromessa. Queste osservazioni possono suggerire che la CFS non è una semplice forma di depressione ...continua >>
La stanchezza (spesso denominata anche “fatigue” prendendo a prestito il termine anglosassone corrispondente) è una situazione che può accompagnarsi a svariate situazioni sia fisiologiche che patologiche. E’ normale essere affaticati dopo un intenso sforzo fisico o psichico, anche se la qualità della stanchezza nei due casi è diversa. Ma è normale nella misura in cui la persona riesce a recuperare spontaneamente e pienamente la situazione di benessere che precedeva l’episodio “affaticante”. Il recupero, quindi, perché il soggetto sia considerato normale, deve essere completo, raggiunto in tempi rapidi e non deve lasciare alcuna stanchezza residua: si può parlare, in questo caso, di forma “acuta” di stanchezza ...continua >>
Se ci si sente peggio dopo aver fatto esercizio fisico, o se la tolleranza all’esercizio fisico non migliora dopo diversi mesi di allenamento e un esame medico dimostra che si e’ in buone condizioni di salute, potrebbe essere che si stia eccedendo nell’attività’ fisica. Per molte persone, un regolare esercizio fisico puo’ migliorare la resistenza e la stanchezza anche se quest’ultima non dipende dall’inattività. I benefici dell’esercizio fisico derivano in parte dalla migliore resistenza dei muscoli, dello scheletro e del cuore, e in parte dall’effetto antidepressivo e tranquillizzante dell’esercizio stesso. Questi ultimi effetti possono essere sia di carattere biochimico che psicologico ...continua >>
 
© Realizzato da FRIULI.net